a. Fissazione di un tetto in Costituzione al prelievo fiscale.

b. Immediato choc fiscale con 48 miliardi di tasse in meno a favore di imprese, famiglie, consumatori (da noi illustrato in dettaglio: abbiamo i numeri due volte dichiarati tecnicamente ammissibili)

c. Nuovo rapporto fisco-contribuenti: subito assistenza e consulenza preventiva a famiglie e imprese (ogni famiglia e ogni impresa hanno diritto a essere accompagnate, consigliate e aiutate dall’amministrazione finanziaria).

d. Sottoscrizione dell’impegno irrevocabile (pledge) a non firmare mai alcun provvedimento che determini un aumento della pressione fiscale

e. Mettere a dieta lo Stato: meno spesa inutile, meno sprechi e meno debito: piano di attacco al debito pubblico e privatizzazioni, taglio sistematico della quota di sprechi e spesa pubblica improduttiva e inefficiente (corrispondente ai tagli di tasse di cui sopra).

f. Inversione clausole di salvaguardia: non aumenti di tasse automatici, ma tagli di spesa.

g. Subito costi standard per la sanità.